blogEsteticaTrucco

Come è nato il rossetto

Come è nato il rossetto

Come è nato il rossetto

Come è nato il rossetto. Il rossetto, in particolare quello rosso, ha una storia sorprendentemente “tumultuosa”… Prima di diventare un must, pensate che per molte donne era quasi sconosciuto! E allora scopriamo insieme come è nato questo straordinario prodotto!

 

La storia

E’ senza alcun dubbio uno dei simboli più forti della sensualità e della bellezza femminile sin dai tempi più antichi: basti pensare che la stessa Cleopatra non dimenticava mai di tingersi le labbra con un composto di ocra rossa, carminio, cera o grasso. Eppure il rossetto ha avuto non pochi detrattori nel corso dei secoli: nel Rinascimento i pastori inglesi hanno più e più volte cercato di marchiarlo come “l’opera del diavolo”; ciò tuttavia non impedì alla Regina Elisabetta I di usare una miscela di cocciniglia, gomma arabica, albume e latte di fico per rendere le labbra cremisi, tanto da lanciare una vera e propria moda in tutta Europa.

E’ solo nella seconda metà dell’Ottocento che il rossetto comincia ad essere lentamente sdoganato. Il marchio cosmetico parigino Guerlain ha prodotto il suo primo lipstick di successo solo nel 1880… Ma per il rossetto c’è ancora molta strada da fare…

 

Scopri di più su… il trucco permanente

Gli anni ’60 vedono un enorme calo della sua popolarità: sono gli occhi a giocare da protagonisti, mentre le labbra vanno di moda chiarissime, quasi bianche. Con l’avvento degli anni Settanta, la bocca riprende un po’ di colore: rame e mattone in prevalenza, più tardi fucsia, rosa carico, arancio, rosso ciliegia.

Gli anni ’80 introducono tonalità vivaci: è di moda il rosso fragola (ricordate Madonna?), mentre vengono proposti nuovi effetti: satinato, mat, cipriato, iridescente, e molti altri. La fine del decennio e gli anni ’90 placano gli ardori e riportano l’austerità con tonalità di rossetto nude e smorzate.

Oggi un paio di labbra rosso ciliegia continua ad essere chic e seducente esattamente come centinaia di anni fa. Nella maggior parte del mondo moderno, le donne hanno la libertà di sfoggiare labbra rosse e audaci senza aver paura di subire ostilità e maldicenze, e scelgono di usare il rossetto per esprimersi indipendentemente dal loro status sociale. Forse la più grande difficoltà che affrontiamo oggi con il rossetto è semplicemente… la scelta della tonalità più adatta a noi!

Viso: 10 fantastici benefici del trattamento all’ossigeno

Lo sapevi?

– Le labbra sono la parte più sensibile e delicata del nostro viso: la cute che le ricopre è costituita da uno strato corneo sottilissimo che offre, quindi, una barriera estremamente limitata nei confronti degli agenti esterni. Per questo motivo le labbra devono essere difese e protette quotidianamente da tutte le insidie cui sono soggette, al fine di mantenerle morbide, sane e perfettamente idratate. Ciò vale a qualsiasi età e, ancor più, man mano che passano gli anni!

– Le labbra molto sottili di solito denotano astuzia; le labbra molto carnose e prominenti, invece, sono un segno di sensualità.

– Il rossetto diventò un cosmetico popolare soltanto quando negli Stati Uniti venne ideato l’astuccio di metallo. A inventarlo nel 1915 fu Maurice Levy, della Scovil Manufacturing Company, che progettò un contenitore che aveva una piccola leva sul lato del tubo per abbassare e alzare il rossetto.

– Oggi il rossetto è il cosmetico più diffuso al mondo: si calcola che venga utilizzato quotidianamente dal 97% delle donne!

 

E tu che tipo di rossetto preferisci? A lunga tenuta, gloss, satinato o metallizzato? C’è solo l’imbarazzo della scelta, vero? Se vuoi un consiglio per il tuo make up ideale, rivolgiti al nostro staff: insieme a te studieremo l’abbinamento delle nuance in grado di valorizzare la forma del viso e nascondere eventuali discromie o problematiche relative allo stato dell’epidermide. Se vuoi saperne di più, fissa un appuntamento: siamo a tua disposizione per darti tutte le informazioni necessarie!